Blog

Mappe mentali e mappe concettuali

Parlando con un’insegnante di scuola elementare mi è venuto in mente di mettere a confronto mappe mentali e mappe concettuali. Spesso si confondono ma sono due modi di rappresentazione dei concetti completamente diversi.

Le mappe concettuali sono nate nel 1970 da una teorizzazione di Joseph Novak e  servono per rappresentare in un grafico le proprie conoscenze intorno ad un argomento specifico. Ciascuno è, quindi, autore del proprio percorso conoscitivo all’interno di un contesto. Nella rappresentazione originale le caratteristiche essenziali di una mappa concettuale sono le seguenti:

è costituita da nodi concettuali, ciascuno dei quali rappresenta un concetto elementare e viene descritto con un’etichetta apposta ad una sagoma geometrica;
i nodi concettuali sono collegati mediante delle relazioni di tipo connessionista: in genere vengono rappresentate come frecce orientate e dotate di un’etichetta descrittiva (in genere un predicato);
la struttura complessiva è di tipo reticolare (che quindi potrebbe non presentare un “preciso punto di partenza”).

E non sarebbe quasi nulla di diverso dalle mappe mentali, che noi amiamo tanto!  🙂

Gli  accorgimenti per realizzarle sono ciò che differenzia mappe mentali e mappe concettuali, e sono:

-individuare chiaramente la “domanda focale”, ovvero il tema che si sta descrivendo e che circoscrive l’ambito di analisi;

-svilupparla per quanto possibile dall’alto verso il basso, considerando le relazioni trasversali una eccezione;

-adottare una logica di realizzazione di tipo connessionista: prima avviene l’identificazione dei concetti, poi la creazione delle relazioni associative tra di essi;

-riuscire a collegare i diversi argomenti in modo chiaro e corretto.

Le mappe mentali invece sono una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata dall’inglese Tony Buzan,  a partire da alcune riflessioni sulle tecniche, molto personali, per prendere appunti. Sono relativamente recenti e sono state per qualche tempo relegate al campo dei “creativi”. Le mappe mentali (mind maps), rispetto alle mappe concettuali, si differenziano [...]

Effetto Von Restorff e tecniche di memoria

Effetto Von Restorff… un parolone!! Eppure è una cosa semplicissima, che si applica bene alle tecniche di memoria e lettura veloce. Fate con noi questo piccolo esperimento…

Leggete questa lista di parole solo una volta e tentate di memorizzarle:

Cantare

Urlare

Memorizzare

Viaggiare

Rosso di sera bel tempo si spera…

Arrivare

Ora cercate di ripetere le parole che ricordate. La frase che con molta probabilità avete ricordato per prima è “rosso di sera bel tempo si spera”. Perchè?

Ricordare quegli elementi che risaltano sulla media è il cosiddetto Effetto Von Restorff, o effetto isolamento, e fu scoperto nel 1933 da Hedwig Von Restorff. Il ricercatore condusse una serie di esperimenti, e notò che gli elementi che risaltavano (sia a causa del colore che della forma differenti) venivano memorizzati meglio. Allora si credeva che questo effetto fosse dovuto ad una particolarità dell’attenzione.  

Nel 1995, però,  i ricercatori Donchin e Fabiani, proposero una diversa spiegazione. Secondo questi, l’effetto Von Restorff non sarebbe semplicemente dovuto alle variazioni nell’attenzione ma al fatto che la memoria acquisisce e codifica in modo diverso le informazioni che leggiamo, sentiamo o vediamo.

E’ molto probabile che le differenze percettive siano le prime a captare la nostra attenzione avvisandoci che un elemento dovrà codificarsi nella memoria in modo diverso, oppure che è importante per noi, per la comprensione del nostro testo.

Le implicazioni dell’effetto Von Restorff nel marketing e nella pubblicità sono enormi… ma lo sono anche nelle tecniche di memoria e lettura veloce.

Per quanto riguarda le tecniche di memoria possiamo ritrovare l’effetto Von Restorff nella costruzione e nell’uso delle mappe mentali. Semplicemente le parole che ci “saltano” per prime alla mente sono anche quelle che poi saranno i nostri primi livelli. Nei libri di testo spesso le parole chiave sono evidenziate in grassetto, ma come [...]

Lo sapevi che le connessioni…

Lo sapevi che le connessioni neuronali derivano dalla parola Connessione, che a sua volta deriva dal verbo connettere, che letteralmente vuol dire unire con, unire cose distanti. In questo senso nella lingua italiana connessione e connettere sono stati usati per molto tempo più nel significato figurato che in quello concreto, più con riferimento al collegare tra di loro concetti. Non è un caso che la parola connettere nella lingua italiana sia praticamente un sinonimo di pensare, di ragionare, proprio in riferimento a questo lavoro di collegamento tra concetti.

Ma naturalmente connessione vuol dire anche connessione fisica, connessione tra cose distanti, e in questo senso le prime connessioni della storia umana sono chiaramente quelle legate ai trasporti, sono le vie che consentono di andare da una località all’altra, le strade prima di tutto e poi, dall’Ottocento, la rete ferroviaria.

Essere connessi vuol dire anche essere inseriti in una rete, essere un nodo di una rete in cui le connessioni appunto si incrociano e consentono gli scambi. La parola entra però prepotentemente nel vocabolario quotidiano nel significato di collegamento che consente il passaggio di informazioni più che di persone o di oggetti, e questo avviene in particolare con lo sviluppo e la diffusione della rete Internet, che viene sviluppata da un punto di vista tecnologico a livello sperimentale a partire più o meno dagli anni ’60, ma diventa effettivamente un elemento della vita quotidiana a partire dagli anni ’90 del secolo scorso.

Ma… come avvengono le connessioni nel nostro cervello e come sfruttarle al meglio?

Le connessioni avvengono grazie ai neuroni, e nel nostro cervello esistono circa 100 miliardi di neuroni, ognuno ha circa da 1.000 a 10.000 collegamenti con altri neuroni… Immaginate le quantità di informazioni che possono essere processate, [...]

Neuromarketing: chi è il guru Martin Lindstrom

In pochi anni si è passati da parlare di Marketing tradizionale a Neuromarketing, cioè quella capacità nel marketing di utilizzare le peculiarità della nostra mente. Da qui nascono i termini Mirror Branding e Brand Sense che proprio Martin Lindstrom ci insegnerà ad utilizzare il 24 ottobre a Vicenza, in un grande congresso- evento, organizzato dal Club Mondiale della Formazione di cui Nicoletta Todesco è uno dei 100 Leader.

Una delle convinzioni di Martin Lindstrom è che, ad oggi, sia le piccole-medie imprese che i Professionisti debbano avere ben chiara l’opinione e i valori che vogliono trasmettere al consumatore. Proprio su questo si basa la grande carriera di Martin che utilizza strategie di branding insolite e rivoluzionarie, capace di far rivivere un marchio in sole 48 ore, rendendolo forte, d’impatto, riconoscibile e sopratutto virale.

Tutto questo fa si che la sua consulenza venga richiesta dalle aziende che desiderano entrare nella lista Fortune delle 100 società più redditizie degli USA. Puoi capire solo da queste poche informazioni l’elevato valore di questo congresso-evento che ti proponiamo!

Chiaramente Martin lindstrom è anche autore di numerosi best seller che trattano sempre argomenti interessanti e vari sul marketing ed il branding, aziendale e personale.

Conosciamo la storia di Martin Lindstrom grazie ad un suo video di presentazione, clicca qui per scoprire come tutto iniziò con la sua passione per i mattoncini Lego!

Se anche tu vuoi scoprire in che modo il cervello influenza i tuoi clienti e le loro decisione d’acquisto, se vuoi trasformare il tuo marchio in virale e competitivo, se vuoi apprendere le ultime scoperte in campo di marketing, imparare nuove tecniche, capire cosa fare e cosa non fare per rendere maggiormente visibile il tuo marchio, e analizzare con martin Lindstrom stesso casi di noti marchi [...]

Martin Lindstrom e il neuromarketing ad ottobre In Italia!

E chi è Martin Lindstrom?
E’ il guru del neuromarketing ed è in Italia per un grande convegno-evento il 24 ottobre a Vicenza.
Martin Lindstrom è consulente per alcuni dei top brand mondiali, autore di bestseller (Buyology su tutti), punto di riferimento globale per il neuromarketing e tra le persone più influenti nel 2009 secondo il TIME.

Il suo libro Buyology, frutto di un’attenta ricerca sul che cosa spinga i consumatori a comprare, è divenuto presto un bestseller ed uno dei 5 principali libri di marketing secondo il Wall Street Journal. La sua ultima opera, Brandwashed, ci spiega in che modo i marchi ci manipolano per indurci a comprare i loro prodotti.

La grande peculiarità di Martin Lindstrom sta nel saper capire la biologia alla base del desiderio dei consumatori. 

Perchè compriamo? Come siamo passati dal marketing tradizionale al neuromarketing? Il tuo brand può andare in pezzi? Come i brand più di successo di domani ci possono interessare in tutti i sensi? Il marketing nell’era dell’oltre comunicazione: quali i nuovi strumenti per conquistare l’attenzione del consumatore?

Questi sono solo alcuni degli argomenti che verranno trattati il 24 ottobre 2014 a Vicenza, presso la Fiera, in un convegno organizzato dal Club Mondiale della Formazione, di cui Nicoletta Todesco è uno dei 100 Leader.

Guarda qui il video di presentazione dell’evento, in cui Martin Lindstrom stesso ti presenta il corso!

Se anche tu vuoi conoscere tecniche per migliorare il marketing della tua azienda, della tua figura professionale, o semplicemente informarti per non essere più schiavo delle pubblicità delle grandi aziende, partecipa con noi di Brain Up a questo grande evento!

Per informazioni scrivici a info@brainup.it

Ricominciano i corsi di Brain Up

Se anche tu vuoi migliorare te stesso, aumentare al tua concentrazione, sfruttare a pieno le immense potenzialità del cervello, ricordare facilmente nomi, date, numeri, codici di sicurezza, studiare o apprendere più velocemente e con maggiore efficacia, leggere più velocemente sia articoli di giornale, romanzi o libri di studio e molto altro ancora, allora i corsi di Brain Up fanno per te!
Brain Up è un’azienda storica nel campo della formazione personale, sopratutto per quanto riguarda le tecniche di studio e apprendimento rapido, nonchè di lettura veloce.

I corsi di Brain Up sono molteplici e spaziano dai tradizionali “corsi di memoria”, che in realtà sono un’approfondimento su come funziona il nostro cervello e su come riuscire a sfruttarne le potenzialità al meglio, ai corsi di Comunicazione, di Parlare in Pubblico, di PNL (Programmazione, Neuro, Linguistica). Tutti corsi per riuscire a sviluppare appieno il nostro potenziale,troppo spesso dimenticato sotto le classiche scuse del “non ho tempo”, “ho già troppe cose da fare”, oppure “queste cose non fanno per me”…

Eccoti alcune testimonianze che puoi leggere nella sezione “Dicono di noi del sito”

“Grazie a Nicoletta ed al suo staff ho imparato tante tecniche e mi sono preso un pò di tempo per me. Riuscire a fare i primi esercizi e riscoprire la creatività mi ha aiutato a cambiare le convinzioni inculcate a suon di noia (sed mea culpa) da un sistema scolastico/universitario al quale auguro di evolvere presto cambiando in meglio. Alcune storie ed esempi degli altri partecipanti mi hanno toccato ed emozionato. Grazie ancora a tutti… adesso vado a dirne due a mia sorella insegnante!” Glauco
“Ho frequentato i corsi di lettura veloce e di memoria che mi hanno arricchita molto, perchè ho trovato lo staff molto coinvolgente, [...]

Tempo di relax, vacanze e…

Estate, giorni più tranquilli e con tempi più rilassati. Vacanze, tempo di relax e… perché no, tempo di bilanci e di nuovi progetti.
Tutti noi stiamo godendo, se non di qualche giorno di relax, almeno di tempi un po’ più rilassati nel lavoro e maggiore tempo da trascorrere con la famiglia, con gli amici, con noi stessi, con qualche buon libro che avevamo da tempo nella libreria.
Questo tempo però è anche tempo di bilanci, di vedere a che punto siamo con i nostri obiettivi annuali, di cercare qualcosa che ci dia nuovamente la carica per continuare a migliorarci, per arrivare all’eccellenza.

Il nostro vuole essere un augurio, proprio nel giorno di ferragosto di questa estate pazza, a perseguire nei nostri obiettivi, con fiducia nelle nostre capacità, con sufficiente umiltà per crearcene di nuove. Un augurio affiché possiate cogliere il meglio da ogni relazione che c’è nella vostra vita, affinché la crescita personale sia sempre una parte importante del vostro Essere…

Se volete approfondire qualche corso, noi siamo a vostra disposizione, scrivici per informazioni a info@brainup.it oppure consulta la sezione calendario qui. Non sottovalutare il tempo del relax, è pur sempre tempo che possiamo sfruttare per migliorare noi stessi.
E come  dice Anthony Robbins
 “un uomo sopravvaluta ciò che può fare in un anno e sottovaluta ciò che può fare in dieci anni”!
Buone Ferragosto a tutti,

Lo staff di Brain Up

Una giornata di trasformazione

Giornata di trasformazione… com’è nata questa proposta? Semplicemente durante un brainstorming ci siamo chiesti: “Cosa possiamo fare di più per i nostri clienti/amici noi dello staff di Brain Up?”, “Come possiamo aiutarli ad esprimere al meglio le loro potenzialità e doti, i loro doni?”, “Come possiamo far si che in loro avvenga un piccola grande trasformazione?”.

Così ci è venuta l’idea di proporre una nuova giornata formativa nello stile Brain Up, quindi un po’ pazzo!   🙂  Un mix di ciò che ci viene più richiesto da chi ci segue ormai da un po’, con la carica e l’energia della nostra trainer Nicoletta Todesco. Parleremo Comunicazione Persuasiva, di Ipnosi Conversazionale, Creatività, Autostima, e di tutto ciò che può esservi utile e che verrà da voi richiesto. Sperimenteremo l’EFT (qui un articolo per capire cos’è) qualche esercizio di Logosintesi  e qualche pillola di PNL per ampliare la nostra mappa del mondo.

Sarà una giornata capace di darci nuovi spunti e stimoli per riuscire a “tirar fuori” tutte le nostre potenzialità, una giornata di “Trasformazione” di noi stessi.

 

Ti aspettiamo con gioia DOMENICA 22 GIUGNO ore 9.00 presso la Confartigianato di Montebelluna, via G. di Vittorio 1.

A  presto,

lo staff di Brain Up

Come riequilibrare sé stessi in pochi minuti

Succede a tutti, almeno una volta nella vita, di volersi riequilibrare, di essere consapevoli di avere paure, fobie, dolori fisici, stress, insonnia, problemi di socializzazione, incapacità di gestire i sentimenti, incapacità di  tornare in forma, elaborazione di eventi dolorosi, sbalzi d’umore, incapacità di portare a termine i propri obiettivi…
Sono tutte emozioni e stati d’animo che si alternano in noi, che possono risultare positivi se servono come “segnale d’allarme” di una situazione che non ci fa star bene, e possono essere estremamente negativi se trascurati.

Esiste una tecnica, che si chiama EFT o TAPPING, che sfrutta 15 degli oltre 400 meridiani energetici che esistono nel nostro corpo e che normalmente vengono stimolati solo con l’agopuntura cinese.
Si tratta di una tecnica molto semplice, una volta che avrete fatto una o due prove, e molto veloce: dura pochi minuti.
Millenarie intuizioni, e scoperte scientifiche degli ultimi venti anni, ci confermano che tutto è fatto di Energia, qualsiasi oggetto che noi tocchiamo e anche gli esseri viventi, compresi noi, siamo fatti di Energia. Viene intuitivo capire che l’esistenza dei meridiani energetici, utilizzati nelle medicine orientali, sono “cose” reali, ed un eventuale blocco o “malfunzionamento” di un canale energetico porta lo scompenso, non solo a quel canale, ma a tutto il corpo. È come guardare un tranquillo fiume che scorre con tutti i suoi affluenti. Se costruiamo una diga avremo un diverso fluire dell’acqua, ci sarà più acqua in una determinata zona e meno in altre… La stessa cosa succede nel nostro corpo quando l’energia è bloccata o “scorre” male…
Per Energia qui intendo quella vitale che regola le funzioni corporee, e che in medicina cinese viene chiamata Qi. Essa scorre attraverso il corpo lungo i meridiani energetici; le interruzioni di questo [...]

PNL e clima… quale similitudine?

Eccoci di nuovo qui a condividere una piccola intuizione con voi…

 

Vi è mai capitato di sentirvi poco allegri con un tempo atmosferico un po’ pazzo e cupo come quello di questi giorni?

Beh, se la risposta è sì, credo siate in tanti!

Non vedere il sole per giorni e giorni rende cupi, annoiati, tristi e malinconici anche le persone più allegre ed equilibrate.

 

Però la nostra vita continua anche in queste giornate, i minuti passano, i giorni trascorrono a volte senza che noi ce ne rendiamo veramente conto, avvolti da questa “cappa di grigio” che ci circonda. Rimandiamo, e nei casi peggiori rinunciamo, ai nostri obiettivi, ai nostri progetti e sogni, e il tempo, il bene più prezioso che possediamo, passa senza ritornare…

E qui l’intuizione… la PNL è come il cielo sereno e il sole all’interno di noi, anche se l’ambiente circostante è grigio…

 

E’ per questo che Brain Up propone un corso di PNL e Tecniche di Comunicazione, per far splendere il sole dentro di noi!  🙂

Le tecniche la Dottoressa Nicoletta Todesco, e lo staff di Brain Up, ci proporrà ci aiuteranno a creare maggior chiarezza dentro di noi, ad individuare i nostri veri valori, a capire come mai certi obiettivi proprio non riusciamo a raggiungerli, a capire come riuscire a comunicare meglio con noi stessi in primis e con gli altri poi, utilizzando dei modelli che ci permettano di entrare in empatia con l’altro e non in conflitto. Ci divertiremo ad entrare nel nostro io più profondo e ad eliminare le nuvole che spesso accompagnano la nostra vita.

Lavoreremo sui nostri valori, sui disvalori, obiettivi a medio e lungo termine, punti di forza e debolezza… insomma, una vera e propria mappa di noi stessi, per saperci orientare nelle scelte [...]

free vector