Cos'è un AbitudineAbitudini: un mondo di sicurezze che raccontano la nostra storia e come l’abbiamo vissuta!

Che cosa sono davvero? Da dove arrivano?

Possiamo definire le abitudini come comportamenti, pensieri, emozioni, che si sono creati sulla base di quello che è successo nel passato e che ci ostiniamo a riportare nel presente. Nel qui e ora.

Alcuni di noi se ne accorgono, altri meno, altri un po’ e un po’.

Alcuni ne vengono soffocati, altri ne vengono premiati, alcuni le trasformano addirittura in dipendenze identitarie.

E ancora, alcune si perpetuano nel tempo, si rafforzano, si radicano, altre invece si diradano misteriosamente negli anni lasciando solamente un vago ricordo di quello che è stato e del bisogno che soddisfavano.

Il punto è… Da dove nascono le abitudini? Perché ne siamo così fortemente condizionati?

La psicologia negli anni è riuscita a darne spiegazione attraverso lo “schema cognitivo”.

Succede così: viviamo un evento traumatico, spesso accaduto nell’infanzia, e ne siamo talmente influenzati al punto che lo riviviamo, lo reiteriamo nella nostra vita fino a creare dei veri e propri schemi e autocrearci delle vere e proprie punizioni o premi condizionati.

E così ad esempio cominciamo a credere di avere il diritto di essere apprezzati, di essere amati, solo in particolari condizioni:

  • essere amati solo se si è perfetti
  • essere amati solo se non si fanno errori
  • essere amati solo se si è sempre sicuri di sé e se non si prova paura
  • avere valore solo se si vince.

Succede anche a te?

Creiamo e produciamo inconsciamente pensieri, emozioni e comportamenti che hanno come unico obiettivo quello di confermare ciò in cui crediamo per preservare quella congruenza e stabilità che strutturano la nostra identità e di conseguenza il modo con cui vediamo la vita.

Ecco cosa sono le abitudini: schemi, un insieme di pensieri e azioni, traccia di antiche credenze che caratterizzano la nostra storia!

C’è chi cura maniacalmente l’alimentazione e la forma fisica mascherando la poca autostima, chi ricorre alle sigarette per soffocare un disagio, chi costruisce relazioni morbose, fragili, o futili, ricadendo negli stessi dolorosi cliché.

Spesso le abitudini sono maschere da cui finiamo per essere dipendenti.  La buona notizia è che c’è sempre il modo per trasformare quelle disfunzionali e acquisirne di vincenti! 

Accorgersi dei propri programmi limitanti è il primo passo per rompere gli schemi; il coraggio è la molla in grado di scardinare quel gioco di corsi e ricorsi che ci tiene intrappolati.

Per scoprire di più sull’argomento, clicca qui.